Medicina

Stefania Salmaso: "Code e assembramenti, il voto anticipato sarebbe un bel problema"

"L'immunita di gregge? È il caso di essere chiari sull'argomento: al momentonon e raggiungibile": a parlare all'HuffPost e Stefania Salmaso, membrodell'Associazione Italiana di Epidemiologia. La scienziata spiega che"l'immunita fornita a tutta la comunita da una elevata proporzione di immuni eun concetto cruciale per la maggior parte delle malattie infettive ma, inquesto contesto e nel breve periodo, e un obiettivo al quale non possiamotendere....


Tumore della vescica, «vecchio farmaco» e nuova efficacia: così si può personalizzare la cura

In alcuni pazienti la mitomicina C, chemioterapico utilizzato da oltre 50 anni, attiva il sistema immunitario e si ottengono maggiori benefici. E' possibile prevedere la risposta alla terapia e scegliere altre opzioni per chi è più a rischio di recidiva


Perché non serviranno solo i vaccini a debellare la pandemia?

La fine della pandemia non coincide con l'arrivo dei vaccini. Perché non è sufficiente per mettere fine allincubo Covid?


Io ballo da sola: 5 profili youtube per ballare a casa

Ballare in casa? Che sia per dimagrire o divertirsi, ecco i canali Youtube che insegnano coreografie facili.


Si può capire in anticipo chi avrà il Covid-9 in forma grave e chi no, secondo un nuovo studio

Riuscire a diagnosticare in anticipo le forme sintomatiche e gravi di Coronavirus sarebbe una vera svolta.


Grassi buoni: quali sono e a cosa servono?

«I grassi sono vittime di un pregiudizio che li ha incasellati come il male assoluto, poiché erroneamente considerati come i responsabili dell’aumento di peso». Stefano Erzegovesi è primario del Centro per i disturbi alimentari dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e nutrizionista. «Invece i grassi, per lo meno alcuni tipi, pur avendo rispetto agli altri … L'articolo Grassi buoni: quali sono e a cosa servono? proviene da OK Salute e...


Immuni al Coronavirus "per natura", la scienza spiega perché

Il marito è positivo al coronavirus, la moglie però non si contagia nonostante vivano sotto lo stesso tetto e per giorni la donna si sia presa cura di lui. Di casi come quelli riportati dal Messaggero - che ha per protagonisti Alessandro e Valeria, una coppia di ternani residenti a Milano - ne sono stati segnalati svariati in tutto il mondo, tanto da spingere oltre 250 laboratori in tutto il mondo, coordinati dalla Rockfeller University di New...


Carenza di vitamine, cosa mangiare per risolvere

Indipendentemente dal fatto che si tratti di vitamina D, A, B12 o di oligoelementi come ferro o iodio, le carenze vitaminiche non sono l'eccezione al giorno d'oggi, ma la regola e colpiscono gran parte della popolazione. Oggi vi mostreremo quali carenze si verificano più frequentemente e quali alimenti ci aiutano a migliorare i nostri livelli di vitamine e minerali spingendoli un po' più in alto.


Chiariamo una volta per tutte: quanto tempo dovremmo aspettare per fare sport dopo mangiato?

Non solo occorre evitare lo sport a ridosso dei pasti, ma è importante scegliere gli alimenti corretti


Il pisolino pomeridiano fa bene alla mente

Concedersi un regolare pisolino pomeridiano fa bene alla salute mentale e migliora le proprie abilità cognitive. A sostenerlo è uno studio britannico pubblicato in questi giorni sulla rivista General Psychiatry. Il team di ricerca ha esaminato circa 2.214 persone over 60 di sesso sia maschile che femminile, residenti in disparate città della Cina. I modelli di sonno presi in esame erano diversi. Per 1.534 persone coinvolte nella ricerca...


Social network: bastano sei mesi per sviluppare una depressione

Le persone che usano i social molto frequentemente hanno alte probabilità di sviluppare una condizione di depressione. Lo riporta un nuovo studio incentrato sull’uso di popolari network come Facebook, Instagram, Reddit, SnapChat e Twitter, e sui loro effetti sullo stato psicologico di un campione di 1.000 adulti negli Stati Uniti, di un'età compresa tra i 18 e i 30 anni. Gli utenti che trascorrevano meno di 120 minuti al giorno sul social...


Harry Styles che ti aiuta a dormire, la meditazione by celebs è la mindfulness del futuro

Miniguida per ricentrarsi o addormentarsi in pochi minuti in compagnia di Chris Hemsworth o Harry Styles.


Covid, Aifa: "Il vaccino italiano Reithera arriverà a settembre"

Lo ha annunciato il presidente dell'Aifa


Lo studio, fame emotiva e abbuffate effetti negativi lockdown

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'università di Padova, in collaborazione con l'università di Losanna e la Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste (Sissa), rivela l'aumento di disturbi da fame emotiva e alimentazione incontrollata sopra...


Ciclo irregolare: le possibili cause e come intervenire

Un ciclo irregolare è un fenomeno frequente che può essere legato all'età della donna, a squilibri ormonali o anche ad errate abitudini. Ma non solo: scopriamo tutte le possibili cause e come intervenire.


Editing genetico, dal S. Raffaele possibile applicazione clinica

Milano, 22 gen. (askanews) - Si chiama "editing genetico" la tecnologia che prevede un vero e proprio "taglia e cuci" del DNA; è stato oggetto del premio Nobel per la chimica 2020 e potrebbe, a breve, essere impiegato per il trattamento di una grave malattia genetica rara, l'immunodeficienza con iper-IgM legata al cromosoma X (X-HIGM o HIGM di tipo 1) grazie a uno studio di un gruppo di ricerca dell'Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica di Milano, coordinato da Luigi Naldini e Pietro Genovese, pubblicato sulla rivista EMBO Molecular Medicine. Ne ha parlato ad askanews Valentina Vavassori, ricercatrice del San Raffaele e prima firmataria dello studio. "Grazie a queste 'forbici molecolari' - ha spiegato la ricercatrice - siamo riusciti a tagliare, in un punto preciso del gene difettoso, il Dna e a sostituire la sequenza difettosa con quella corretta. In questo modo abbiamo ripristinato non solo la funzione del gene ma anche la sua regolazione fisiologica che è fondamentale per evitare lo sviluppo di gravi effetti collateriali". La sindrome da Iper-IgM è una rara immunodeficienza, potenzialmente letale, causata da mutazioni del gene CD40 Ligando che codifica per una proteina fondamentale del nostro sistema immunitario, localizzata sulla superficie di un gruppo specifico di linfociti T. L'unica alternativa terapeutica per i pazienti, ad oggi, è il trapianto di cellule staminali da donatore compatibile che però non è sempre disponibile. Per questo, lo studio italiano offre una reale e valida possibilità di cura. "Questo lavoro - ha concluso la dottoressa Vavassori - ha gettato le basi sperimentali e il razionale scientifico per una futura sperimentazione clinica basata sul Gene editing e i lifociti T".


Farmaci mortali? - 26/01/2021

"Iniezioni letali, il primario arrestato: ora lasciatemi solo con i pazienti". Gli aggiornamenti di Lorenzo Lo Basso in collegamento a "La Vita in Diretta".


Paracetamolo e ibuprofene sono entrambi analgesici (combattono il dolore) ma non sono uguali: le differenze da sapere

Il paracetamolo e l'ibuprofene sono due analgesici che si usano abitualmente e indistintamente nelle case, ma non sono la stessa cosa. L'acetaminofene, altro nome del paracetamolo, può alleviare il dolore e ridurre la febbre mentre l'ibuprofene ha anche un effetto antinfiammatorio e il suo uso non è raccomandato durante la gravidanza. Entrambi i farmaci sono sicuri in linea di massima, ma possono comportare determinati rischi in...


Maskne, una nuova malattia causata dalla mascherina

Si chiama “maskne” la nuova malattia causata dalla mascherina: la parola deriva dalla fusione delle parole 'mask' (mascherina) e acne.


Donne ipertese a cinquanta anni? Non è «colpa» della menopausa

I sintomi dell’aumento di pressione, nelle donne di mezza età, spesso sottovalutati, sono spia di rischio cardiovascolare. Anche per le persone transgender


Cluster al Cardarelli: 21 positivi tra il personale sanitario

Ventuno tra medici e infermieri del Cardarelli sono positivi al Covid: preoccupato per il focolaio, il dg si è rivolto all'Unità di crisi.


6 campanelli d'allarme della pelle legati al covid: lo studio italiano

Non solo tosse, febbre, bronchite o polmonite. Il Covid 19 ha anche altrestrade attraverso cui manifestarsi: per esempio la pelle, con apparenti"banali" alterazioni cutanee. Uno studio tutto italiano, condotto con ilsupporto della Societa Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica edelle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST) e pubblicato sul Journal ofthe American Academy of Dermatology, ne ha individuate 6 che possono essereuna...


Torino, bimbo recupera uso della mano con impianto di un dito del piede

Microchirurgia robotica


Coronavirus, trattamento con la vitamina D: morti in calo

Uno studio coordinato dall'Università di Padova


Come funziona il macchinario 'aggiusta fratture' per i piccoli pazienti

Poche radiazioni, ingessatura più semplice e in alcuni casi si evitano ricovero e intervento chirurgico


10 cibi con poche calorie che saziano tantissimo

Se si vuole perdere qualche chilo o semplicemente se si vuole restare in forma è importante consumare quotidianamente degli alimenti poco calorici, cibi che non fanno ingrassare e che saziano, senza di contro appesantire l'organismo. Sono molti i cibi, infatti, che pur avendo poche calorie spezzano la fame e riempiono lo stomaco a lungo contribuendo ad aumentare il senso di sazietà. Tuttavia, è importante valutare anche la qualità di quello che si porta in tavola (e non solo il valore energetico). Via libera, dunque, ad alimenti ricche di fibre, proteine e preziosi nutrimenti che hanno grande volume, ma ridotta densità di energia. Scopriamo quali!


Lo stretching può essere più efficace della camminata veloce per combattere l'ipertensione

Secondo uno studio canadese questo tipo di attività aerobica favorirebbe l'abbassamento della pressione sanguigna nelle persone che soffrono di tale patologia


Il vaccino AstraZeneca potrebbe essere autorizzato solo per gli under 65

La decisione dell'Ema è attesa per venerdì, ma sul tavolo degli esperti del comitato dell'Agenzia europea per i medicinali sono arrivati dall'azienda dati che hanno un campione molto ridotto di persone anziane


Abbiamo davvero bisogno/ha senso indossare due mascherine per proteggerci dal Covid?

Diversi personaggi pubblici indossano una mascherina sopra all'altra, ma serve davvero?


Distrusse 500 dosi di vaccino Moderna, farmacista rischia 20 anni di carcere

Un farmacista del Wisconsis, Steven Brandenburg di 46 anni, si e dichiaratocolpevole di aver cercato di danneggiare intenzionalmente cinquecento dosi delvaccino prodotto dalla Moderna per combattere il coronavirus. Il suo obiettivoera quello di rendere inefficace il vaccino. Lo rende noto il Dipartimento diGiustizia degli Stati Uniti.Brandenburg e accusato di due capi di imputazione, ovvero di aver tentato dimanomettere i prodotti e di...


Trenta + 1 pillole di saggezza sul senso della vita che ti faranno riconnettere a te stessa

La tua iniezione quotidiana di buon umore è servita ❤️🌈❤️


Covid, il nuovo bollettino del ministero della Salute

Le autorità del ministero della Salute hanno comunicato il bilancio dell'emergenza coronavirus al 27 gennaio, che sale di 15.204 casi e 467 morti.


“Approvazione prima terapia per tipo distrofia ereditaria retinica quasi un miracolo”

Andrao (Retina Italia Onlus): Malattia rivoluziona la vita di pazienti e genitori. Oggi grazie a prima terapia per chi soffre di distrofia ereditaria retinica legata alla mutazione del gene RPE65 aumenta, per tutti gli altri, la speranza concreta di arrivare a una cura in ...


Avocado: perché è ideale mangiarne uno al giorno

L’avocado, ricchissimo di fibre e grassi buoni, può fare meraviglie per la nostra salute generale. Le sue proprietà aumentano significativamente il benessere del sistema gastrointestinale, in particolare se viene consumato ogni giorno, come suggeriscono i ricercatori della University of Illinois, USA. Lo studio ha coinvolto 160 adulti con obesità di un'età compresa tra i 25 e i 45 anni. Tutti i partecipanti sono stati monitorati per 12...


Pacemaker, così smartphone e fitness tracker ne alterano il funzionamento

In italiano si potrebbe tradurre come "generatore di ritmo": stiamo parlando del pacemaker, ovvero un dispositivo elettronico, dalle dimensioni simili a quelle di una moneta da due euro, che consente di controllare le anomalie del ritmo cardiaco. Inventato nel 1960 dall'ingegnere statunitense Wilson Greatbatch, viene posizionato nel torace dei pazienti il cui cuore batte troppo lentamente, velocemente o in maniera irregolare. Il ritmo cardiaco...


Lupus, l'esposizione ai raggi UV peggiora i sintomi

Il lupus eritematoso sistemico è una malattia cronica autoimmune che, in maniera graduale, può causare l'infiammazione di articolazioni, pelle, cuore, cellule del sangue, reni, polmoni ed elementi fondamentali del sistema nervoso. Secondo recenti studi statistici, il suo tasso di incidenza globale è compreso tra i 20 e i 70 casi ogni 100mila individui. Ad esserne più colpite sono le donne, con un rapporto con gli uomini di 9:1. Nel lupus,...


Sanità pubblica in crisi, gli italiani chiedono prestiti per andare dal privato. E molti rinunciano a curarsi

Mettendo in crisi il sistema sanitario, il Covid ha anche ostacolato il normale accesso alle cure di milioni di italiani. Visite saltate, esami annullati, operazioni rinviate: un problema che ha riguardato tutte le specialità, da cardiologia a oncologia. E che ha spinto molte persone ad abbandonare il pubblico e rivolgersi al privato, pagando di tasca propria i costi del servizio, anche contraendo prestiti con amici, familiari o finanziarie....


Soluzione fisiologica iniettata su 47 persone al posto del vaccino anti Covid

Dodici persone che lavorano in ambito sanitario, infermieri e medici, avrebbero ricevuto una dose di soluzione fisiologica anziché di vaccino Pfizer....


Cocaina: con la Stimolazione magnetica transcranica (TMS) ci si libera definitivamente dalla dipendenza

Beatrice ha iniziato a farne uso a 15 anni per fuggire da una famiglia complicata, Simone l’ha provata per «gioco» e non è più riuscito a farne a meno, Pietro l’ha scoperta in un momento di fragilità e si è ritrovato schiacciato da un demone più grande di lui. La cocaina è entrata nelle vite … L'articolo Cocaina: con la Stimolazione magnetica transcranica (TMS) ci si libera definitivamente dalla dipendenza proviene da OK Salute e Benessere.


Siamo in forma? Per saperlo facciamo il test delle scale

Se riusciamo a fare quattro rampe di scale in meno di un minuto significa che godiamo di una buona salute cardiovascolare. Il test fa parte di una nuova ricerca, presentata al congresso della European Association of Cardiovascular Imaging (EACVI) del 2020, e rappresenta un modo semplice e veloce di testare la nostra forma fisica e la salute del nostro cuore. «Il test delle scale è uno strumento con cui possiamo facilmente controllare le...


Cosa accade quando perdoniamo qualcuno?

Con il termine "perdono" si indica un cambiamento prosociale verso un altro soggetto colpevole di aver arrecato un danno fisico oppure morale. Questa modifica di atteggiamento implica non solo una riduzione dei sentimenti negativi provati verso l'autore del torto, ma anche in un incremento di emozioni positive che potrebbero tradursi nell'adozione di nuovi comportamenti nei suoi confronti. "Tutti affermano che il perdono è un'idea stupenda fino...


Farmaci mortali? - 25/01/2021

"Brescia, primario arrestato: avrebbe iniettato farmaci letali a due pazienti Covid". Gli aggiornamenti di Lorenzo Lo Basso in collegamento a "La Vita in Diretta".


Tumore al seno, scoperto l'anticorpo monoclonale che blocca la diffusione delle metastasi

Grazie a un anticorpo monoclonale si può bloccare lo sviluppo delle metastasi alle ossa del tumore al seno. E' il risultato raggiunto da uno studio internazionale pubblicato sulla rivista scientifica Oncogene, che è stato condotto dal Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e dall'Inserm di Lione grazie anche al lavoro dei gruppi di ricerca dell'Institut Curie di Parigi e dell'Università di Amburgo.


Il cocktail di anticorpi Regeneron riduce del 50% il rischio di contrarre il Covid

Gli anticorpi sono stati testati come "vaccino passivo". Direttore scientifico di Regeneron: "Il nostro farmaco ha impedito a tutti i soggetti coinvolti nello studio di sviluppare una infezione sintomatica"


Vaccino Covid, mancano le dosi per i richiami e la mutazione del virus spaventa: le Regioni frenano

"Della scienza e del vaccino mi fido, ci mancherebbe, ma questa è una presa in giro. Soprattutto per chi passa tutto il giorno a contatto con pazienti potenzialmente positivi. E a maggior ragione da quando in farmacia abbiamo iniziato a eseguire i tamponi per alleggerire il sistema sanitario. Di certo non mi aspettavo di finire in un limbo in attesa per il richiamo del vaccino contro il Covid". A parlare è una farmacista emiliana che come...


Quali sono i vantaggi della riproduzione sessuale?

Il giovane pupil, come in Inghilterra chiamano gli studenti, John Maynard Smith si aggirava nelle aule del prestigioso college di Eton profondamente insoddisfatto per la mancanza di insegnamenti di biologia darwiniana. Di cui, nonostante portasse ancora i pantaloni corti, era già appassionato. Erano gli anni 30 e la sua frustrazione durò fino a che incontrò … L'articolo Quali sono i vantaggi della riproduzione sessuale? proviene da OK Salute e...


Seconda dose - 21/01/2021

Arcuri: "Taglio del 20% a dosi vaccino Pfizer anche prossima settimana". Gli aggiornamenti di Ilenia Petracalvina in collegamento a "La Vita in Diretta".


Cellule staminali per "spegnere" il Covid, lo studio a Modena

Modena, 27 gen. (askanews) - Prima di raggiungere l'immunità di gregge con i vaccini dovremo aspettare ancora mesi; è fondamentale, quindi, continuare a investire sulle cure per il Covid-19. E da Modena arriva una nuova ipotesi di cura: l'utilizzo delle cellule staminali per, in un certo senso, "spegnere" l'incendio provocato dal virus. Il direttore della Struttura complessa di malattie dell'apparato respiratorio dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, Enrico Clini. "Il vero problema è come contrastare questa sequenza di eventi e di complicazioni che portano il paziente eventualmente al decesso. Vari farmaci e varie formulazioni di cura sono stati sperimentati in questi mesi e nessuna di queste ha finora dimostrato di essere determinante". Da qui è partito il progetto Rescat di cui il Policlinico di Modena è capofila e che coinvolge altri cinque centri di ricerca in Lombardia, Veneto e Toscana, quelli più impegnati nell'utilizzo delle cellule prelevate dal grasso, dal cordone ombelicale o dal midollo osseo per la lotta contro il cancro, in particolare per la cura dei tumori ematologici: "Le cellule staminali sono un ulteriore tentativo, forse il più potente di quelli finora tentati per cercare di bloccare e spegnere quell infiammazione che è la causa di una sequenza di eventi che porta al crash del sistema respiratorio e purtroppo al rischio delle complicazioni e purtroppo alla morte del paziente". I primi test del progetto, già approvato dagli organi regolatori, partiranno a giorni su una sessantina di pazienti. Ogni malato, a distanza di cinque giorni, riceverà una infusione di staminali per via endovena. Il direttore della Struttura complessa di oncologia dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, Massimo Dominici, tra gli ideatori dello studio: "Una volta infuse nel paziente, le cellule staminali si dovrebbero comportare come dei pompieri di fronte a un grosso incendio. Abbiamo bisogno di spegnere questo incendio fornendo acqua e ci aspettiamo che siano proprio le cellule infuse a produrre quest'acqua. È come se utilizzassimo un potente antinfiammatorio, non una compressa, ma qualcosa di vitale che produce molecole in grado di spegnere l'incendio. La mia soddisfazione sarà quando cominceremo a trattare i primi pazienti e riusciremo ad avere i risultati. Questa è una sperimentazione clinica, non vuole dire che ci sono disponibili cellule per trattare tutti i pazienti con questo tipo di problematiche. Purtroppo questo oggi richiede un numero limitato di pazienti. Ma siamo all'inizio di un qualcosa che speriamo possa diventare una cura per molti pazienti".


Tamponi Covid: la svolta arriva dalla Cina

Il nuovo test è già stato sperimentato in alcune città. Il virus rimane più a lungo nel canale rettale rispetto a quello respiratorio.


L'eterno dilemma delle donne in gravidanza: si può bere caffè oppure no?

Se l'OMS dice "sì, ma con moderazione", una ricerca mette il divieto categorico. A chi dare retta quindi?